coccinella

Sai essere presente, guardare, percepire, ascoltare con sincero interesse? Sai stupirti delle piccole cose? Le sai apprezzare?

Osserva un bambino piccolo: per loro tutto questo è del tutto naturale.

In questo siamo noi adulti a dover imparare (re-imparare).

Un bimbo è libero da condizionamenti, da preconcetti, da pregiudizi, completamente aperto a tutto ciò che la vita con le sue infinite sfaccettature ha da insegnargli e da offrirgli; esplora il mondo con una curiosità entusiasta, che si tratti di trovare un microcosmo fra gli steli d’erba o di notare pagliuzze scintillanti in un sassolino.

Un bimbo nota cose a cui noi siamo indifferenti e così ad esempio, pur essendo entrambi seduti nello stesso luogo, mentre l’adulto si annoia pensando a cosa poter fare il bimbetto ha già notato il pulviscolo che danza in un raggio di luce, la coccinella sullo stelo d’erba, la lucertolina che attraversa la strada, la nuvola che passa e somiglia a un cagnolino o forse a un gatto, il rumore del treno che passa, una cosa lontana che vorrebbe andare a vedere… se l’adulto annoiato non glielo impedisse!

L’adulto annoiato potrebbe forse meravigliarsi a sua volta, magari proprio per l’entusiasmo del bimbo, oppure per la magnifica giornata, ma chi non sa meravigliarsi si perde metà della storia: nota solo gli eventi “rilevanti” e ignora tutto ciò che non rientra nelle sue convinzioni su cosa sia importante e cosa no (come se indossasse i paraocchi). Crede di sapere già tutto e non avendo (credendo di non avere) più nulla da imparare trova il mondo noioso e privo di interesse, chiude la propria mente e il proprio cuore e se ne resta tappato nella sua “comfort zone”… che poi tanto confortevole non è.

“Andai nei boschi perché desideravo vivere con saggezza, per affrontare solo i fatti essenziali della vita, e per vedere se non fossi capace di imparare quanto essa aveva da insegnarmi, e per non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto. Non volevo vivere quella che non era una vita, a meno che non fosse assolutamente necessario.”

Henry David Thoreau -Walden ovvero Vita nei boschi

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi